Un Bagnetto da Spa: Breve Guida all’uso delle Spugne Marine!

Le Spugne Marine sono oggetti straordinari che rendono il bagnetto del bambino un momento di vera coccola!

In realtà, la parola “oggetto” non è esatta, poichè le Spugne Marine appartengono al regno animale. Sono degli organismi antichissimi, molto semplici nella loro struttura cellulare, che si nutrono filtrando l’acqua del mare. Esistono vari tipi di Spugne Marine, tuttavia quella utilizzata come spugna da bagno è la Spongia Officinalis, del gruppo delle Demospongie o Spugne silicee. Conosciamole insieme!

Come riconoscere le Spugne più pregiate?

La qualità della Spugna dipende dalla profondità e dalla temperatura dell’acqua, dalle correnti e dal fondale del punto in cui vivono. Infatti, le spugne migliori crescono in acqua più fredda e in profondità. Le spugne mediterranee sono qualitativamente migliori di quelle caraibiche; sono più morbide, più compatte e hanno una vita media maggiore. In particolare, se conservate correttamente e lasciate asciugare all’aria, hanno una vita di 8-12 mesi contro gli 1-2 mesi di quelle caraibiche.

Anche la scelta del produttore è importante! Per non rovinare il dedicato ecosistema delle colonie di spugne, la pesca va effettuata per immersione e non con reti di sorta. La raccolta viene fatta a mano senza strappare le radici per permetterne la ricrescita. Dunque, è importante acquistare da aziende certificate, in possesso di tutti i permessi ed i requisiti per la raccolta e la lavorazione di questo prodotto così delicato.

Per quanto riguarda la dimensione, il costo delle Spugne Marine aumenta in modo proporzionale alla loro dimensione: più sono grandi, più sono “rare” ed il loro valore aumenta!

Lavate o Sbiancate?

Le Spugne Marine sono particolarmente indicate per la detersione della pelle dei neonati, per pelli sensibili o per soggetti allergici. Una volta raccolte, vengono lavate e a volte sbiancate. Il lavaggio conserva maggiormente il livello di principi attivi detossinanti, che possono però essere eccessivi nelle pelli sensibili o nel caso dei neonati. Perciò, per i soggetti delicati si consiglia l’utilizzo di spugne sbiancate, dal tipico colore giallognolo.

Ecco la differenza di colore tra le due tipologie:

 

 

Fine Dama o Arcipelago?

La qualità Fine Dama presenta pori più piccoli e vicini, alla vista si presenta come più “compatta”. Oltre che all’uso nei bambini, è adatta anche alla pulizia del viso, per esempio nella rimozione del trucco, o nella stesura del fondotinta! Entrambe le varianti possono essere utilizzate nel bagnetto dei neonati.

Come pulire la spugna?

Basta lavare la spugna sotto l’acqua corrente. Periodicamente, immergila in una soluzione di acqua e bicarbonato di sodio! Durerà tantissimo!

Che aspetti? Provale!


Il Batuffolo consiglia: Spugne Marine Rosenfeld!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *